Benvenuto su

DOSicily.com

Prodotti al Pistacchio di Bronte

Prodotti in Offerta

Dosicily

Dosicily

Domenica, 29 Marzo 2015 00:00

Curiosità Pistacchio

Curiosità  Pistacchi

Il pistacchio è molto indicato per chi si mette a dieta; infatti contenendo una buona percentuale di fibre e proteine ed essendo molto nutriente, è in grado di calmare a lungo l'appetito permettendo così di mangiare meno durante il pasto che ne segue.

Un sinonimo di freschezza, quando si acquistano pistacchi, è dovuto al suo peso; se il pistacchio è pesante significa che è fresco. Infatti quando il pistacchio invecchia secca e perde peso.
Per quanto riguarda la conservazione i pistacchi si possono conservare fino a sei mesi, meglio se in un vaso chiuso ed in un luogo asciutto.
Strano ma vero, esiste una società, la Western Pistachio Association, che da tempo promuove le proprietà ed i benefici del pistacchio.

Da esperimenti condotti sui topi con olio di pistacchio, è stato dimostrato come quest'ultimo abbia un ruolo attivo nel combattere le infezioni.

In Cina il pistacchio viene anche chiamato " il seme felice ", mentre in Iran viene chiamato " il seme che sorride "; è uno dei due semi con guscio che vengono nominati nella Bibbia.

I semi del pistacchio maturano di norma alla fine dell'estate; la loro maturazione è "segnalata" dall'apertura parziale del guscio.

Uno degli usi più comuni del pistacchio è quello di inserirlo nell'impasto per la preparazione della mortadella.

La pianta del pistacchio fruttifica solo diversi anni dopo la sua messa a dimora.

Fonte:http://www.mr-loto.it/pistacchio.html

 

Primi piatti

Biscotti morbidi al pistacchio di Bronte

Zabaione light con melograno e pistacchio di Bronte

pistacchi di Bronte DOP

Panna Cotta ai Pistacchi di Bronte DOP

Granella di pistacchio

pistacchi

 

 

 

Spaghetti con pesce spada alla siciliana

 

400 grammi di Pasta, spaghetti senza glutine
200 grammi di Pesce spada
5 grammi di Buccia d'arancia
80 grammi di Pane casereccio, senza glutine
40 grammi di Pistacchi di Bronte, sgusciati
1 cucchiaio da tavola di Olio di oliva
1 grammo di Zafferano
2 cucchiai da tavola di Gin
1 pizzico di Sale

 

Grattugiare la scorza dell'arancia ben lavata e asciugata.

Togliere la crosta alla fetta di pane casereccio.

Inserire nel mixer entrambi gli ingredienti e mixarli.

Scaldare un cucchiaio di olio d'oliva in una padella antiaderente e, a fiamma vivace, tostare le molliche di pane finché non diventano un po' croccanti.

Mettere da parte il pane e, nella stessa padella, aggiungere altro olio d'oliva e a fiamma vivace fare scottare velocemente il pesce spada a cubetti.

Aggiungere un poco di zafferano, mescolando.

Versare un poco di gin a piacere e spegnere la fiamma, regolando di sale.

Cuocere gli spaghetti, scolarli e versarli nella padella con il pesce, facendoli insaporire per bene e unendo un poco di olio d'oliva a crudo.

Servire subito spolverando con la mollica di pane e i pistacchi tritati grossolanamente.

Fonte:http://worldrecipes.expo2015.org/it/ricetta-spaghetti_con_pesce_spada_alla_siciliana_9198.html

 

 

Risotto al cavolo cappuccio, noci pecan e pistacchi

350 grammi di Cavolo, cappuccio viola
1 Cipolle, rossa
1 cucchiaio da tè di Zucchero di canna
1/2 cucchiaio da tè di Melassa
3.5 prese di Sale dell'Himalaya (rosa)
160 grammi di Riso Carnaroli
4 Noci pecan
1 cucchiaio da tavola di Pistacchi, sbriciolati
1/2 bicchiere di Vino rosso
1 cucchiaio da tavola di Aceto balsamico
5 cucchiai da tavola di Olio extravergine d'oliva (EVO)
70 grammi di Castelmagno
500 grammi di Brodo vegetale

 

Tenere in caldo il brodo vegetale.

Lavare un terzo di cavolo cappuccio viola e tagliarlo e pezzettini piccoli. Asciugarlo con un panno.

Tagliare finemente la cipolla rossa e farla rosolare in un wok, con 4 o 5 cucchiai d'olio evo. Quando sarà dorata, aggiungere lo zucchero di canna e la melassa per farla caramellare.

Quando la cipolla sarà dorata al punto giusto aggiungere il cavolo che abbiamo precedentemente tagliato, lasciandone una manciata da parte.

Far stufare il cavolo aggiungendo un po' d'acqua e l'aceto balsamico. Lasciare cuocere, girando di tanto in tanto, per mezz'ora circa, aggiungendo acqua solo se serve (considerare che si deve asciugare quasi tutta prima di buttare il riso).

Trascorsi i trenta minuti di cottura del cavolo, buttare il riso nel wok, farlo tostare, aggiungere il mezzo bicchiere di vino rosso e alzare la fiamma per farlo evaporare.

Quando il vino è evaporato riabbassare la fiamma e continuare a cuocere il risotto aggiungendo, mestolo per mestolo, il brodo vegetale.

Aggiustare di sale.

Qualche minuto prima di spegnere il fuoco aggiungere il cavolo tenuto da parte tranne qualche fogliolina da usare per la guarnizione.

A cottura ultimata, togliere dal fuoco e mantecare con una noce di burro e le scaglie di Castelmagno.

Per la guarnizione caramellare le noci pecan con miele e sciroppo d'agave. Fate la stessa cosa per i pistacchi.

Impiattate il risotto con l'aiuto di un coppa pasta guarnendo con le foglioline di cavolo tenute da parte, le noci ed i pistacchi caramellati.

Fonte:http://worldrecipes.expo2015.org/it/ricetta-risotto_al_cavolo_cappuccio_noci_pecan_e_pistacchi_5952.html

 

Lasagna bianca con pesto di pistacchi e scamorza

 

200 grammi di Pasta all'uovo, lasagne
500 milligrammi di Latte parzialmente scremato
50 grammi di Farina
30 grammi di Burro
1 presa di Noce moscata
1 pizzico di Sale
4 cucchiai da tavola di Pesto di pistacchi
50 grammi di Pistacchi, farina
150 grammi di Scamorza affumicata
2 cucchiai da tavola di Pecorino romano

Per prima cosa partiamo dalla besciamella. In un pentolino dai bordi alti mettiamo la farina e aggiungiamo un goccio di latte, mescoliamo con una frusta a mano in modo tale che la farina assorba tutto il latte, continuiamo aggiungendo pochissimo latte alla volta fino ad avere una pastella omogenea. Una volta che la farina si sarà ben amalgamata e non ci saranno più grumi aggiungiamo tutto il resto del latte.

Mettiamo il pentolino sul fuoco a fiamma molto bassa e, sempre rigirando con la frusta, portiamo a cottura la besciamella. Quando otterremo una crema morbida possiamo spegnere sotto il fuoco. Saliamo la nostra besciamella, aggiungiamo una noce di burro e una spolverata di noce moscata; amalgamiamo bene il tutto. Copriamo con pellicola trasparente e facciamola intiepidire.

Quando si sarà intiepidita, circa 10 minuti, togliamo la pellicola e aggiungiamo 4 cucchiai di pesto al pistacchio. Giriamo bene il tutto fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea.

A questo punto procediamo con la lasagna. Prendiamo una pirofila rettangolare, stendiamo 2 cucchiai di besciamella al pistacchio in maniera omogenea su tutto il fondo della pirofila.

Sullo strato di besciamella creiamo uno strato con le sfoglie di pasta in modo tale da ricoprire tutta la superficie della pirofila. Se le sfoglie di pasta dovessero necessitare di una precottura sbollentiamole prima in acqua salata. Per essere sicuri della cottura delle lasagne leggiamo le istruzioni sulla confezione.

Sulla pasta stendiamo un nuovo strato di besciamella, adagiamo le fettine di scamorza affumicata e ricopriamo con una spolverata di farina di pistacchio.

Continuiamo in questo modo con altri strati fino ad esaurire gli ingredienti. L’ultimo strato dovrà terminare con la besciamella al pistacchio.

Spolveriamo generosamente il pecorino romano sulla besciamella e mettiamo in forno a 180 ° per circa 30′, ovviamente più la pirofila sarà grande più tempo occorrerà per cuocerla.

Quando sarà cotta e ben gratinata togliamola dal forno e facciamola intiepidire per almeno 10 minuti altrimenti si sfalderà tutta.

Fonte:http://worldrecipes.expo2015.org/it/ricetta-lasagna_bianca_con_pesto_di_pistacchi_e_scamorza_7458.html

 Fusilli senza glutine ai cereali con bottarga e pesto mediterraneo

 

200 grammi di Pasta, senza glutine ai cereali
1presa di Olive nere, taggiasche
5 Pomodori secchi sott'olio
30 grammi di Bottarga
1 Finocchietto selvatico, mazzetto
1 tazzina da caffè di Olio extravergine d'oliva (EVO)

 

 

 

Crostata alla crema bianca, pinoli e pistacchi

175 grammi di Farina di grano tenero
5 grammi di Lievito per dolci, in polvere
60 grammi di Zucchero
35 grammi di Olio di semi di girasole
0.39 grammo di Sale
36 grammi di Tuorlo d'uovo
50 grammi di Zucchero
35 grammi di Farina di grano tenero
257 grammi di Latte parzialmente scremato
0.41 grammo di Buccia di limone
102 grammi di Panna leggera
8.56 grammi di Pinoli
7.80 grammi di Pistacchi, in granella
50 grammi di Uova

Preparate la crema scaldando in un pentolino il latte con la scorza del limone tagliata a grossi pezzi, non fate bollire il latte spegnete il fuoco e lasciate la scorza del limone in infusione per circa 15 minuti quindi toglietela dal latte. Sbattete con una frusta elettrica le uova assieme allo zucchero e alla vanillina, aggiungete al composto la farina setacciata, amalgamate bene il tutto e versatelo nel latte. Rimettete il pentolino sul fuoco e mescolate il composto fino a che sara' diventato denso e cremoso. Fate raffreddare la crema, aggiungete la panna montata mescolando dall' alto verso il basso fino ad ottenere un composto liscio.

Preparate la pasta per la base della crostata. In una ciotola mescolate la farina assieme al lievito, al sale e fate un buco al centro, unite all'interno della fontana l'uovo, l'olio, lo zucchero e impastate il tutto fino ad ottenere un panetto liscio e sodo.

Disponete il panetto sopra un foglio di carta forno pressatelo leggermente, poggiatevi sopra un altro foglio di carta forno e col mattarello stendete un cerchio di circa 25 cm di diametro e di circa mezzo cm di spessore. Togliete la carta dalla parte superiore e disponete il cerchio di pasta con sotto la carta forno in uno stampo rotondo. Tagliate l' eccesso di pasta dei bordi distanziandovi dal bordo dello stampo di circa 1 cm.

Punzecchiate con una forchetta la base interna della pasta e versatevi sopra la crema bianca, livellatela bene e arrotolate leggermente verso l'' interno i bordi della pasta. Aggiungete sopra la crema i pinoli e la granella di pistacchio. Infornate in forno preriscaldato a 180° per circa 25 minuti.

Sfornate, fate raffreddare e servite. Potete anche conservare la crostata in frigo e servirla fresca.

Fonte:http://worldrecipes.expo2015.org/it/ricetta-crostata_alla_crema_bianca_pinoli_e_pistacchi_4559.html

 

Vellutata di zucca all'arancia con melograno e pistacchi

 

600 grammi di Zucca, cruda e pulita
1 Patate
1 Scalogno
60 grammi di Arance, succo di una
1 presa di Noce moscata macinata
1 pizzico di Peperoncino in polvere
2 cucchiai da tavola di Yogurt magro, al naturale
20 grammi di Melograno, chicchi
20 grammi di Pistacchi tostati


Mettete in una pentola la zucca e le patate tagliate a dadini e lo scalogno tritato. Coprite a filo con acqua (aggiungetene di meno se la zucca è acquosa), portate a ebollizione, abbassate la fiamma e fate cuocere a fuoco basso finché le verdure non sono morbide.

Frullate la zuppa e aggiungete il succo d'arancia, la noce moscata e il peperoncino. Regolate di sale.

Sistemate la vellutata in ciotole individuali e completate con un cucchiaio di yogurt, i chicchi di melograno e i pistacchi.

Fonte:http://worldrecipes.expo2015.org/it/ricetta-vellutata_di_zucca_all_arancia_con_melograno_e_pistacchi_4391.html

Sabato, 21 Marzo 2015 00:00

Biscotti morbidi al pistacchio di Bronte

 

Biscotti morbidi al pistacchio

 

300 grammi di Farina
150 grammi di Strutto
1 Uova
90 grammi di Zucchero
1/2 cucchiaio da tè di Lievito per dolci
1 cucchiaio da tè di Pasta di pistacchio
1 bicchierino di Zucchero
1 bicchierino di Zucchero a velo

Nel boccale del vostro robot da cucina, tritate lo zucchero per qualche secondo. Aggiungete lo strutto e montatelo a crema, inserite l’uovo e il cucchiaio di pasta di pistacchio e lavorate il composto mezzo minuto, Aggiungete la farina setacciata con il lievito e impastate. Lasciate riposare il composto così ottenuto per circa 1 ora in frigorifero, coperto da una pellicola. Nel frattempo, rivestite la teglia del forno con carta forno.

Accendete il forno in modalità statico a 180 gradi, prendete il vostro impasto, formate delle palline grandi come una noce, passatele prima nello zucchero semolato e poi nello zucchero a velo, disponetele sulla placca del forno cuocete a 180 gradi per 10/12 minuti non di più. Si devono formare le piccole crepe che vedete in foto . Non togliete subito i biscotti dalla placca del forno, aspettate qualche minuto, perché appena cotti sono molto morbidi e delicati.

Fonte:http://worldrecipes.expo2015.org/it/ricetta-biscotti_morbidi_al_pistacchio_6710.html

 

 

 

Zabaione light con melograno e pistacchio di Bronte

 

4 Tuorlo d'uovo, uova biologiche
250 grammi di Yogurt greco
65 grammi di Sciroppo di agave
1 cucchiaio da tavola di Liquore all'arancia
40 grammi di Pistacchi, tritati, di Bronte
2 Melograno

In una ciotola in acciaio mettete i tuorli e aggiungete lo sciroppo d'agave. Mettete la ciotola a bagnomaria con acqua calda (non bollente) e fate in modo che non tocchi il fondo della ciotola. Scaldate a fuoco basso e frullate il composto finché non sarà bianco e spumoso. Aggiungete anche il liquore e sbattete per qualche altro minuto. Poi spegnete il fuoco e mettete a raffreddare.

Appena lo zabaione sarà freddo, aggiungete lo yogurt e amalgamate delicatamente. Fate tostare i pistacchi in una padella su fuoco moderato o in forno per 10 minuti. Prendete 6 bicchieri e riempiteli alternando lo strato di pistacchi, melograno e zabaione. Guarnite l'ultimo strato con melograni e pistacchi. Mettete in frigo fino al momento di servire.

Fonte:http://worldrecipes.expo2015.org/it/ricetta-zabaione_light_con_melograno_e_pistacchio_di_bronte_1745.html

Fiori di pasta al pistacchio con gamberi e stracchino

775 grammi di Farina, tipo 00
30 grammi di Pistacchi di Bronte, farina
6 Uova
50 grammi di Burro
1 bicchiere di Acqua
250 grammi di Gamberetti
500 grammi di Stracchino
1 cucchiaio da tavola di Olio extravergine d'oliva (EVO)
1 pizzico di Sale
1 Albume


Iniziamo preparando la pasta. Mescoliamo la farina 00 e la polvere di pistacchio. Aggiungiamo le uova intere, il sale e il burro fuso. Mescoliamo il tutto fino ad ottenere un panetto omogeneo.

Una volta ottenuto il panetto avvolgiamolo nella pellicola trasparente e mettiamolo in frigo a riposare per almeno 30 minuti.

Stendiamo la pasta con l'aiuto della sfogliatrice in lunghe strisce sottili.

Nel frattempo cuociamo i gamberetti in una padella antiaderente. Cuociamo a fiamma bassa e quando si saranno coloriti e ristretti alziamo la fiamma per far evaporare l’acqua. Mettiamoli da parte a raffreddare.

In un contenitore amalgamiamo lo stracchino con i gamberetti tagliati finemente al coltello, un filo d’olio e sale.

Mettiamo nella sac à poche il ripieno, adagiamo piccole quantità distanziate bene l’una dall’altra sulla prima sfoglia di pasta e sovrapponiamo un’altra sfoglia. Premiamo bene attorno al ripieno in modo tale da far fuoriuscire tutta l’aria e tagliamo con il coppa pasta a forma di fiore.

Fonte:http://worldrecipes.expo2015.org/it/ricetta-fiori_di_pasta_al_pistacchio_con_gamberi_e_stracchino_5482.html

Pagina 23 di 25
Download Free Premium Joomla Templates • FREE High-quality Joomla! Designs BIGtheme.net

Su questo sito usiamo i cookies. Navigando accetti.